Podcast

Puoi ascoltare il podcast anche su Spotify e su Apple Podcast

Stagione 2

  1. Il trailer della seconda stagione, finalmente

    Non bisognerebbe mai mettere due piemontesi a fare un podcast insieme? Questa e altre inattaccabili teorie nel trailer più confusionario della storia dei podcastz

  2. Ci hanno chiuso Instagram

    Cosa c'entrano le nonne morte con i fiori di Colvinco? E con il codice del 20% al checkout (ma solo fino a domani)? A essere sinceri preferiremmo non saperlo.

  3. Non so più dire di no

    Nell'esatto momento in cui siamo arrivati dove volevamo arrivare, ci siamo persi. Saremo di nuovo capaci di tornare a ritrovarci?

  4. Problemi con le autorità

    In cui impariamo che Enrica teme gli assicuratori, e raccontiamo la famosa storiella della pediatra e del minestrone.

  5. La patata bollente

    Fa ridere, ma fa anche riflettere

  6. Dimenticarmi di me

    Ci serviva una stanza, abbiamo preso un palazzo

  7. Io, di base, mi fido

    Perché non dovrei fidarmi? Come fai a dirmi di no?

  8. Si può programmare l’assenza?

    La storia del giorno in cui la vita è entrata nella nostra vita, e dei quattro anni che sono trascorsi da quel momento

  9. Questa è la fine

    È stata una lunghissima sessione di terapia

Stagione 1

  1. «Non ho un obiettivo, non mi ricordo di averne mai avuto uno»

    Non ci sono planner comprati a settembre, non ci sono lavagne con scritti sopra gli obiettivi dell'anno, non ci sono calendari mensili o annuali, non ci sono quaderni delle nuove idee, non ci sono buoni propositi: niente di tutto ciò.

  2. «Questo posto non va più bene per noi»

    La realtà, con tutti i suoi limiti, è dura da accettare. E allora via di idealizzazione, con lo sguardo rivolto all'orizzonte, a guardare i santi protettori che più che ispirarci finiscono per immobilizzarci.

  3. «Chi vende di più ottiene il punteggio più alto»

    Vendere è bello e pulito. Tanti lo considerano un atto disdicevole, ma non c'è niente di più dignitoso del costruirsi la vita che si desidera grazie al fatto di essere riusciti a vendere bene il proprio lavoro

  4. «State esagerando con i costi, dovete darvi una calmata»

    Abbiamo sempre lavorato pensando di non poterci appoggiare a nessuno, di doverci basare solo sulle nostre forze e sulle nostre finanze. Sbagliavamo.

  5. «Era l’unica scema a fare le cose che voleva fare»

    Trovare un punto di equilibrio tra «sapere» e «non sapere» è difficile. Sapere ciò che fanno gli altri è importante, ma è importante anche non sapere: perché gli altri, spesso, rischiano di mandarti in confusione.

  6. «Non ci cagherà nessuno»

    C'è un fatto a cui Ivan ed io ripensiamo ogni tanto, tanto che ha anche un nome: il fatto di Berlino. Il fatto di Berlino si è svolto sulla Karl-Marx-Allee a giugno del 2017.